• Autore: Marilena Natale
  • Pubblicato 25/02/2014 - ore 09:31

Sant’Arpino, sventato colpo alle poste

In manette due uomini della banda, ora è caccia al terzo complice

Nella tarda mattinata di lunedì, a Sant’Arpino, in via De Gasperi, nel locale ufficio postale, i carabinieri hanno arrestato, in flagranza di reato, per rapina, Giuseppe Borrelli, 66 anni, di Grumo Nevano (Napoli), e Catone Salvatore, 51, del quartiere Miano di Napoli, già sottoposto agli arresti domiciliari.

I due,  rispettivamente armati di pistole Beretta calibro 7.65 con matricola abrasa, con 6 colpi nel serbatoio e pistola scacciacani replica Beretta, priva di tappo rosso, si sono introdotti all’interno del locale ufficio postale e, dopo aver preso in ostaggio una dipendente,  si sono fatti consegnare il denaro contante presente nelle casse.

I militari dell’Arma, prontamente intervenuti a seguito della segnalazione di un passante, sono riusciti a bloccare i malviventi all’uscita dell’ufficio postale mentre, con in pugno le armi, tentavano di darsi alla fuga. Un terzo malvivente, che attendeva i primi due all’esterno, visto quanto accaduto, ha tentato di scappare a bordo di un’autovettura con targhe rese illeggibili ma, a causa della velocità, ha perso il controllo del veicolo andando a schiantarsi contro il muro perimetrale di un’abitazione. Dopo l’impatto ha subito abbandonato il mezzo  proseguendo la fuga a piedi e riuscendo a far perdere le proprie tracce.

Nelle immediate vicinanze dell’autovettura incidentata, i carabinieri hanno rinvenuto, a terra, una terza pistola Beretta 7.65 con matricola abrasa, contenente anch’essa sei colpi. Il fuggitivo è al momento ricercato dai carabinieri della stazione di Sant’Arpino e del nucleo operativo e radiomobile della compagnia di Marcianise. Gli arrestati, invece, sono stati condotti nella casa circondariale di Napoli – Poggioreale.