• Autore: Redazione web
  • Pubblicato 17/05/2014 - ore 09:50

Salerno, il “vu cumprà” di via Carmine diventa cittadino italiano

E' Robertino, il vu cumprà di via Carmine, apprezzato per il suo garbo e la discrezione anche dal sindaco De Luca che ha voluto presiedere di persona alla cerimonia di giuramento alla costituzione italiana

Vincenzo-De-Luca1Sono davvero in pochi in città a non conoscere Robertino, al secolo Larbi Sohayl, il 66enne marocchino originario di Rabat che da anni vende fazzoletti di carta ed accendini al semaforo di Via Carmine. Da oggi Robertino è cittadino italiano. A palazzo di città la cerimonia di giuramento e consegna dei documenti alla presenza del sindaco Vincenzo De Luca. Dal 1995 è a Salerno. Il suo posto è il semaforo di via Carmine, angolo via De Granita. Sole, freddo, pioggia, lui è lì. Il suo garbo, la discrezione (mai una lite, nessuna invadenza…), la sua compostenzza hanno sempre colpito, tanto da guadagnarsi la fiducia di un intero quartiere. Anche quella del sindaco che ogni giorno passa di lì nel percorso da casa a palazzo di città e che lo ha sempre indicato come buon esempio di integrazione e di comportamenti corretti, lui che non ha mai nascosto la intolleranza verso gli ambulanti abusivi. Nel 2012 invece lo stesso De Luca gli conferì il titolo di venditore autorizzato dal Comune di Salerno, quasi un’investitura del primo cittadino. Oggi per Robertino arriva anche la cittadinanza italiana.